Skip navigation

Tag Archives: teoria del valore

La ragione della variazione di costo non è ancora chiara“… se ci si ostina a pensare secondo l’economia classica e la sua teoria del valore-lavoro.
Diventa chiarissima dopo Menger (e stiamo parlando del 1871) e la sua rivoluzionaria teoria del valore (e non è un mio parere personale, che sia stata rivoluzionaria, visto che generalmente ci si riferisce ad essa proprio chiamandola rivoluzione marginalista).
La spiega icasticamente Israel Kirzner in questa lezione, The History of Austrian Economics, nei dieci minuti circa che seguono a partire dal minuto 32 circa (sia il link che il video qui sotto dovrebbero partire già dal punto giusto).

Annunci

Scopro solo ora, grazie al (primo) repost su Von Mises Italia, un interessantissimo post in due parti pubblicato da Damiano Mondini su The Road to Liberty: L’annosa questione del valore: alle origini del problema e la controrivoluzione classica.
Non sapevo (ma nessuna meraviglia, la mia ignoranza è abissale) di quanti — e quanto antichi — precursori ci fossero della rivoluzione marginalista. Che tanto rivoluzione non sarebbe stata, dunque, se non fosse passato di lì anche Adam Smith con la sua teoria del valore-lavoro, che tanti epigoni avrebbe fatto, fino allo stesso Karl Marx:

E’ in ogni caso indubbia la lontananza di Adam Smith da quel liberismo pro-mercato di cui è sovente indicato come il progenitore, così com’è molto più evidente lo stretto legame fra la sua speculazione e quella di Karl Marx.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: