Skip navigation

Tag Archives: tasse

Di solito l’ultimo argomento a difesa della tassazione, quando tutti gli altri sono stati bruciati miseramente, è quello della redistribuzione.
Una foglia di fico molto piccola.
Qualche giorno fa è tornato a circolare un vecchio studio di Andrea Ichino e Daniele Terlizzese, via questo articolo del corriere, Se i poveri pagano l’università ai ricchi, che ritorna a girare ogni qualche mese (5/2011, 6/2011, 11/2011, 6/2012 e da ultimo noiseFromAmeriKa di tre mesi fa, che sembrerebbe uno studio indipendente da quello di Ichino-Terlizzese).
Se davvero a qualcuno stesse a cuore la questione della redistribuzione della ricchezza, procederebbe davvero ad una redistribuzione, versando a chi deve ricevere l’opportuna quota di denaro rubato raccolto con la tassazione da chi deve “donare”. Perché mai, se il tuo cruccio è alleviare la mia povertà, dovresti prendere i soldi da chi se li è guadagnati e… decidere che ho bisogno di una scuola, di un medico e un’autostrada? Forse se sono povero è perché sono malato e quei soldi, se proprio vuoi darmeli, io li spenderei tutti in medicine, non in istruzione e viaggi. Potrò decidere io come meglio alleviare la mia condizione di povertà?
Ecco, mi sbagliavo: l’ultimo argomento a difesa della tassazione non è la redistribuzione, ma è chi costruirà le strade?

[…] ci sono quelli che trovano sempre e comunque una buona idea ”aumentare le tasse sui ricchi”, per cui non vedono la necessità di tagliare le spese. A costoro faccio presente una cosa elementare: il livello di progressività dell’imposta sul reddito può essere deciso indipendentemente dal livello di spesa da finanziare. Per essere più chiari: se vi piace l’idea di aumentare le tasse pagate dai più ricchi (sempre e comunque?), fatelo pure a prescindere dalle spese che vanno finanziate, e tagliate al tempo stesso le tasse per i meno abbienti. […]
Immaginate quindi che quei […] milioni [di nuove tasse] li tirino fuori i meno abbienti, ai quali non viene scontata la tassa in più pagata da chi guadagna [di] più […].
[…] E chiedetevi ora di nuovo quanta ”solidarietà” ci sia in quel contributo che i parlamentari impogono ad altri.

Sandro Brusco, noiseFromAmeriKa.org, E finanziare gli esodati tagliando la spesa?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: