Skip navigation

Di solito l’ultimo argomento a difesa della tassazione, quando tutti gli altri sono stati bruciati miseramente, è quello della redistribuzione.
Una foglia di fico molto piccola.
Qualche giorno fa è tornato a circolare un vecchio studio di Andrea Ichino e Daniele Terlizzese, via questo articolo del corriere, Se i poveri pagano l’università ai ricchi, che ritorna a girare ogni qualche mese (5/2011, 6/2011, 11/2011, 6/2012 e da ultimo noiseFromAmeriKa di tre mesi fa, che sembrerebbe uno studio indipendente da quello di Ichino-Terlizzese).
Se davvero a qualcuno stesse a cuore la questione della redistribuzione della ricchezza, procederebbe davvero ad una redistribuzione, versando a chi deve ricevere l’opportuna quota di denaro rubato raccolto con la tassazione da chi deve “donare”. Perché mai, se il tuo cruccio è alleviare la mia povertà, dovresti prendere i soldi da chi se li è guadagnati e… decidere che ho bisogno di una scuola, di un medico e un’autostrada? Forse se sono povero è perché sono malato e quei soldi, se proprio vuoi darmeli, io li spenderei tutti in medicine, non in istruzione e viaggi. Potrò decidere io come meglio alleviare la mia condizione di povertà?
Ecco, mi sbagliavo: l’ultimo argomento a difesa della tassazione non è la redistribuzione, ma è chi costruirà le strade?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: