Skip navigation

Fabristol torna su questa cosa del parallelo fra religione/ateismo da una parte e statalismo/anarchia dall’altra: Dawkins, Harris, gli “stateisti”, il libertarismo e la nostra moralità.
La prima volta che ne sentii parlare mi parve una colorita iperbole, ma più ci ripenso e più mi accorgo di quanto sia calzante, di quanto, davvero, le obiezioni più forti, le mie stesse iniziali obiezioni, non fossero altro che delle preconcette incapacità di pensare altrimenti, dei semplici “ma come altro si potrebbe allora…?”.

[…] la società viene prima dello stato, anarchia non significa caos ma semplicemente [as]senza [di ]governo, le leggi esistono anche senza uno stato, altruismo e compassione esistono non grazie allo stato ma nonostante lo stato […]

2 Comments

  1. Io in effetti non amo il termine anarco-capitalismo proprio per le connotazioni di caos, disordine, legge-del-più-forte che caratterizzano il termine anarchia nell’immaginario comune.

  2. hronir, condividi perplessità terminologiche nientemeno che con Rothbard.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: